Come eliminare termiti

pubblicato in: Approfondimenti | 0

Come eliminare termiti?

Che cosa sono le termiti

Le termiti, conosciute anche col nome di isotteri (dal greco: dotati di due ali identiche), sono insetti terrestri di piccole dimensioni che vivono preferibilmente in colonie.
Sono animali dotati di un’esoscheletro di consistenza molle, di colore neutro ed uniforme, che si nutrono del legno (xilofagi); essendo estremamente diffusi in tutto l’ecosistema, si calcola che circa un terzo del legno prodotto dalle piante potrebbe essere divorato da loro.
Attraverso il robusto apparato masticatore sono in grado di frantumare le masse legnose per nutrirsene, rigurgitando spesso l’alimento da bocca a bocca.

Conformazione anatomica delle termiti

Morfologicamente le termiti presentano un capo mobile e prognato, con 2 occhi e 2 ocelli, e 2 antenne non troppo lunghe; la bocca comprende potenti mandibole; il torace è appiattito e formato da più segmenti; le zampe sono di piccole dimensioni, mentre le ali appaiono grandi, uguali e membranose.

Ciclo biologico delle termitidisinfestazione termiti

Le termiti sono insetti che vivono in società, all’interno della quale esiste una netta distinzione di ruoli; infatti sono presenti due classi, quella riproduttiva e quella sterile. Quest’ultima è composta da soldati che svolgono azione difensiva contro altri insetti e da operai, che contribuiscono a procurare il cibo, a scavare le gallerie ed ad allevare i piccoli.

Il loro ciclo vitale comprende la deposizione delle uova da parte delle femmine fecondate, che si schiudono entro qualche settimana; da esse fuoriescono le larve che incominciano a nutrirsi del materiale legnoso scavando profonde gallerie. Questa fase larvale è la più dannosa in quanto dura molto a lungo e può provocare conseguenze notevoli, soprattutto perché non è rilevabile. Terminata la fase larvale si verifica la metamorfosi in pupa, che, dopo qualche settimana, si trasforma in adulto.
A questo punto, attraverso la formazione di fori superficiali (detti di sfarfallamento) l’insetto esce per dare inizio ad un nuovo ciclo vitale.

Vedi anche  Cimici dei letti, come riconoscerle ed eliminarle

La loro riproduzione avviene in maniera esponenziale e pertanto questi infestanti sono estremamente dannosi per l’uomo; le condizioni ambientali che favoriscono la loro diffusione sono temperature tiepide e media umidità.

In Italia sono presenti:
– Kalotermes flavicolis, termite dal collo giallo;
– Retuculitermes licifugus, termite nera.
Sono insetti diffusi durante tutti i mesi dell’anno che diventano particolarmente attivi quando si creano situazioni predisponenti, diverse a seconda della specie; in ogni caso le termiti sono molto resistenti anche per la loro capacità di digerire la cellulosa del legno.

Come eliminare le termiti

La disinfestazione delle termiti deve essere eseguita in maniera professionale per garantire risultati efficaci; è pertanto necessario evitare metodi artigianali “fai da te” e rivolgersi a ditte specializzate.
Solitamente l’iter operativo prevede diverse fasi successive:
– localizzazione;
– trattamento;
– monitoraggio costante.

La localizzazione si avvale di sistemi digitali in grado di individuare la presenza degli insetti attraverso sensori sensibilissimi che agiscono su mobili, pavimenti, moquette ed altri materiali. Si tratta di un’operazione non invasiva che assicura un’intervento tempestivo anche quando non sono presenti segnali evidenti di infestazione.

Il trattamento viene effettuato mediante apparecchiature di ultima generazione, estremamente efficaci, che eliminano gli insetti senza provocare alcuna conseguenza tossica sull’uomo. Si tratta di metodi e tecniche operative finalizzate ad una disinfestazione specifica.

Il monitoraggio successivo, effettuato con regolarità, permette di individuare subito l’eventuale presenza di nuovi insetti ed utilizza solitamente esche non tossiche per l’ambiente che bloccano il ciclo vitale degli infestanti.